Follow me:

Onigiri cloche per MTC s-cool

La scuola è finita ieri, qui invece non si è ancora finito di studiare e gli esami cominciano oggi, o quasi.

La sfida MTChallenge sta attraversando un grande cambiamento e la seconda parte delle audizioni per poter accedere al primo anno di scuola MTC (o meglio MTC s-cool), che partirà a settembre, comincia proprio oggi.
Questa volta, si cambia.
Invece della solita sfida sulla rielaborazione di un piatto, questo mese è la creatività, il buon gusto e la presentazione che faranno la differenza.

Gli aspiranti studenti, oggi si sfidano nella realizzazione di una ricetta a base di  fragole, riso, triglie, faraona, caffè, limone e pistacchio.
Ovviamente non con tutti questi ingredienti insieme, ma almeno 4.
Proprio secondo lo stesso format adottato dalle sfide gastronomiche che riempiono i palinsesti televisivi degli ultimi tempi, della serie: alzate la cloche e scoprite quali ingredienti avete a disposizione per realizzare il vostro piatto!

Non so come, e a volte quando ci penso, non me ne capacito ancora, ma sono riuscita ad entrare nella classe che partirà a settembre addirittura alla prima selezione. Tutto merito della tortilla di patate e della sua rivisitazione!

Non potevo però non provare a mettermi in gioco anche questa volta. Così complice anche la mia amica PanificatriceFolle, appassionata della cultura giapponese per necessità materna, mi ha suggerito l’idea di questi onigiri.

Per realizzarli, dalla cloche ho prelevato: riso, fragole, triglie, pistacchi e limone.

Gli onigiri sono snack semplici e poco calorici diffusissimi in Giappone, consumati come street food e non solo. Pensate che  i bambini se li trovano anche nello zainetto di scuola per lo spuntino di metà mattina (altro che Banderas e le sue merendine!).

E così il riso si è trasformato in onigiri: un piccolo scrigno che racchiude pezzettini di triglia ammorbiditi da una maionese aromatizzata alla fragola. E invece di rivestire il triangolino con una foglia di alga, l’ho fatto rotolare nella granella di pistacchio, che ne delinea il bordo e ne rallegra il colore, donando una nota di croccantezza alla mia versione di onigiri-cloche!

Print Recipe
ONIGIRI cloche
Istruzioni
Il riso
  1. Lavate il riso in un recipiente coperto di acqua fredda. Con le mani, fate roteare e strusciate il riso nell’acqua in modo che rilasci l’amido e l’acqua diventi bianca. Scolatelo e ripetete di nuovo per un paio di volte, fino a che l’acqua rimane limpida. Coprite nuovamente con acqua fredda e lasciate idratare il riso per mezz’ora.
  2. A questo punto potete procedere con la cottura detta ‘per assorbimento’, come spiega Annalena in questo utilissimo post.
  3. Ponete il riso in una pentola e copritelo con un dito d’acqua (praticamente il livello di acqua, sopra la superficie del riso dovrebbe essere di circa 1,5 cm, ovvero lo spessore di un dito). Salate e portate a bollore.
  4. Raggiunta l’ebollizione, coprite con un panno e un coperchio (il panno assorbirà il vapore senza farlo ricadere sul riso) e continuate la cottura per 10 minuti, dopodiché spegnere il fornello e lasciate riposare altri 10 minuti.
  5. Rovesciate il riso in una teglia capiente per farlo raffreddare.
Il ripieno
  1. In un padellino, fate soffriggere l’aglio tritato con un po’ d’olio. Quando diventa dorato aggiungete le triglie, appoggiandole sul lato della pelle e cuocetele per 5 minuti.
  2. Rigiratele e continuate la cottura per altri 4 minuti. Salate e tenete da parte.
La maionese
  1. Frullate grossolanamente le fragole nel mixer e tenetele da parte.
  2. Mettete l’uovo (facendo attenzione a non rompere il tuorlo) nel bicchiere del frullatore a immersione, copritelo con l’olio freddo di frigo, il succo di limone e un po’ di sale.
  3. Immergete il minipimer e azionatelo per 10 secondi senza muoverlo. Il composto comincerà a montare e a schiarirsi. Proseguite con movimenti verso l’alto e il basso per altri 20 secondi.
  4. Prelevate un paio di cucchiai abbondanti di maionese e amalgamatela a mano con la purea di fragole e qualche fragola a pezzetti.
La preparazione
  1. Sgusciate i pistacchi e tritateli grossolanamente con il coltello.
  2. Spezzettate le triglie, controllando che non ci siano lische e unitele a un paio di cucchiai abbondanti di maionese alle fragole.
  3. Per preparare gli onigiri, dividete il riso in 9 porzioni (una la userete per completare ogni triangolino) e tenete a portata di mano una ciotola con un po’ d’acqua, che vi servirà per pulire le mani tra una formatura e l’altra (il riso è molto appiccicoso).
  4. Prendete un mucchietto di riso per volta e cercate di appiattirlo nella mano sinistra, formate una fossa centrale e riempitela con un cucchiaino di ripieno, poi copritelo con un po’ della nona porzione di riso tenuta da parte.
  5. Cercate di dare una forma triangolare, aiutandovi con l’incavo tra il pollice e l’indice della mano destra, poi passate l’onigiri nel pistacchio tritato, in modo da ricoprirne i tre lati.

Se invece volete fare prima ed avete la fortuna di possedere le apposite formine giapponesi, bagnatele un attimo e versate i tre strati: riso, ripieno, riso. Poi premete con l’apposito stantuffo e sformate il vostro perfetto onigiri.
Io mi sono divertita con la formina dell’orsetto, che avevo comprato tanti anni fa come attrezzo indispensabile in cucina e di cui mi ero ovviamente dimenticata in fondo al cassetto delle ‘caccavelle’…

E così, oltre ai classici onigiri, ho servito anche Hello Kitty e il suo fidanzato!

Previous Post Next Post

16 Comments

  • Reply Tina

    Ho scoperto qualcosa di nuovo oggi. Uno snack veramente invtante in questa versione granellata che so già di preferire agli originali anche se non li ho mai assaggiati

    10 giugno 2018 at 6:09
    • Reply gaia

      Ti ringrazio Tina, la nota del pistacchio è stata approvata da tutti, qui!

      10 giugno 2018 at 19:38
  • Reply Claudia

    Che bella idea!!! Ed
    Hello Kitty con il suo amichetto sono deliziosi:)

    10 giugno 2018 at 6:42
    • Reply gaia

      Grazie Claudia,
      Hello Kitty è venuta quasi da sè!

      10 giugno 2018 at 19:39
  • Reply Anna Laura

    Ci sarà pure un motivo, se sei già in classe!!! 🙂

    10 giugno 2018 at 15:10
    • Reply gaia

      …per rendere il livello un po’ più umano… :-*

      10 giugno 2018 at 19:40
  • Reply acquaviva

    e sappi che la farcitura di pesce cotto e maionese è una di quelle yoshoku che davvero trovi anche in Giappone… solo che intromissioni di fragole e pistacchi come le tue lì se le sognano!

    11 giugno 2018 at 14:03
  • Reply sabrina fattorini

    Molto bella questa ricetta di stampo giapponese, ma il carico da 11 lo hai messo con Hello Kitty! Insuperabile!

    12 giugno 2018 at 5:22
  • Reply Marina

    Io non li conoscevo…la cucina giapponese per me è forse la più sconosciuta. Però la coppia Hello Kitty & boyfriend meritano l’approfondimento! Bella !!

    12 giugno 2018 at 12:50
    • Reply gaia

      HEllo Kitty è stata la chicchina finale, a cui all’inizio non avevo nemmeno pensato!!

      16 giugno 2018 at 14:14
  • Reply Alice

    Che bella idea! Mi piace tanto…e sarei proprio curiosa di quella maionese alla fragola 🙂

    18 giugno 2018 at 13:50
    • Reply gaia

      Grazie Alice!

      19 giugno 2018 at 20:40
  • Reply Mapi

    Gli onigiri li avevo solo sentiti nominare, ma non li ho mai assaggiati.
    Bella idea, mi piace!

    24 giugno 2018 at 9:17
    • Reply gaia

      Grazie Mapi, ti consiglio di provarci!

      1 luglio 2018 at 10:13
  • Reply milena

    Maionese rosa alle fragole? ma è meravigliosa! E le foto? Bellissime! Devo provare questo piatto!

    9 luglio 2018 at 9:12
    • Reply gaia

      Provalo! è pure ottimo per il periodo estivo..

      9 luglio 2018 at 9:13

    Leave a Reply