Follow me:

Un olio al peperoncino e non solo

Se a tavola fate parte della schiera di quelli che non possono fare a meno della nota piccante per esaltare qualunque piatto e sono soliti chiedere “mi passi l’olio al peperoncino?” questo post è per voi.

Ma anche se semplicemente siete curiosi.

L’olio al peperoncino è quasi un patrimonio dell’umanità. In Italia viene consumato a tutte le latitudini anche se nasce dalla cultura meridionale, dove la piantina cresce con più facilità e dove i suoi frutti vengono impiegati nei modi più diversi. Ma se si amplia l’orizzonte, si scopre che lo stesso olio al peperoncino, declinato secondo i gusti e gli ingredienti locali, viene usato in cucina in tantissimi altri luoghi, vicini e lontani.

Non ci credete? Pensate, per  esempio, alla salsa piccante cinese che viene aggiunta come condimento per gli involtini primavera!

Quello che vi presento oggi si chiama rāyu ed è la versione giapponese dell’olio al peperoncino, in una declinazione che si discosta un po’ dal tipico olio piccante cinese.

La base è sempre un olio di sesamo, in cui è stato infuso il peperoncino, sia in polvere che fresco, che oltre alle note piccanti dona anche un bella sfumatura di rosso. Ma la caratteristica principale è l’insieme di spezie ed altri ingredienti che lo rendono non solo piaccante ma anche profumato e gustoso: la salsa di soia, l’aglio, lo zucchero e perfino l’anice stellato…

Posto che vai e olio al peperoncino che trovi, insomma!

Per cosa può essere utilizzato il rāyu? Intanto preparatelo, che io torno presto con una nuova ricetta orientale per completare l’opera!

Print Recipe
Rāyu
Istruzioni
  1. Tritate l’aglio e la cipollina fresca.
  2. Metteteli in un pentolino insieme alla miscela di olio, ai due tipi di peperoncino e all’anice stellato.
  3. Portate a bollore, poi abbassate la fiamma e continuate a cuocere per 2-3 minuti.
  4. Dopo che l’olio si è raffreddato, aggiungete lo zucchero, il sale e la salsa di soia.
Previous Post

No Comments

Leave a Reply