venerdì 13 gennaio 2012

Piadine o lumachine?

Se mi avessero parlato della piadina romagnola negli anni 90, avrei subito pensato a Bersani.
Samuele (non sbagliamoci!!) e al suo progetto di esportarla in India (chi se lo ricorda?).
Poi, dopo averla mangiata sulla riviera romagnola e non potendo passare in romagna tutte le volte che ne avevo voglia, passavo dal super, prendevo la piadina pronta e a casa la farcivo.
Poi sono arrivati Reggì e lo ZioPiero, e con la loro ricetta me la sono autoprodotta più volte a casa.
Poteva finire lì.
Invece, mi sono ritrovata da Paola e ho scoperto che esiste pure in versione sfogliata.
E che potevo perdermela?
E così l'ho provata. A primavera. Poi l'ho rifatta in estate. E pure in inverno.
Quindi, mi sento di dire, a ragion veduta, che va bene per tutte le stagioni...

piadina sfogliata

Mi pare giunto il momento di farle un po' di pubblicità.
Il procedimento è semplice, e pure simpatico vedere tutte queste lumachine in frigo che aspettano il loro momento.
Ho anche tentato la via del congelamento. Funziona benissimo!

Per una merenda con 6 piadine, servono (direttamente da Paola, ma con dosi dimezzate):

500 gr di farina 0
50 gr di strutto
1 uovo
75 ml di latte
125 ml di acqua
6 g sale

+ 50 gr di strutto per la sfogliatura

Mettere la farina sulla spianatoia e fare un bel cratere.
Incorporare al centro le uova, lo strutto ed il sale.
Incorporare i liquidi (acqua e latte) gradualmente e cominciare ad impastare.
L’impasto deve risultare morbido e consistente.
Lasciare riposare l’impasto per circa 30 minuti sulla spianatoia coperto con un canovaccio.
Dividere l’impasto in 6 palline da circa 130 gr l’una.
Procedere alla sfogliatura:
stendere la piada il più sottile possibile, con un cucchiaino prendere una porzione di strutto e spalmarlo uniformemente sulla piada.
Arrotolare la pasta su se stessa a formare un rotolino e poi arriciolare il rotolino come a formare una lumachina.
A questo punto, si possono congelare, per tempi futuri.
Oppure farle riposare in frigorifero per circa un’ora coperte dalla pellicola.
Dopodichè si può stendere le piade non tanto sottili, iniziando a cuocere la prima piadina che è stata formata.
Far scaldare una piastra antiaderente a fuoco medio.
Cuocere un minutino da un lato e anche meno dall’altro, facendo molta attenzione a non bucare la piadina, che altrimenti potrebbe sfogliare male.

piadina sfogliata - how to

Poi si farciscono a piacere.
In casa, quando le ho fatte l'ultima volta avevo del buon salame. Non so se sia tipico, ma ce lo siamo gustati volentieri!

18 commenti:

  1. Mmm che buona da provare subitissimo......

    RispondiElimina
  2. Le piadine sfogliate le faccio anche io abbastanza spesso, ma.... una sfogliatura così perfetta non mi è mai venuta!
    Ero già soddisfatta delle mie, ma ora a vedere queste....gnammm!
    Nella mia versione non c'è né latte né uova, ma ora la provo così sicuramente!!!

    RispondiElimina
  3. Piadina e salame... la morte sua! Quando leggo questi post vengo sempre presa un po' di sorpresa: c'e' qualcuno che non mangia regolarmente piadina?? Sara' che son romagnola, che quando in casa c'e' poco o niente...si improvvisa piadina (e la si farcisce con qualsiasi cosa)! Delle volte mi dimentico di quanto sia un prodotto tipico della nostra zona (e quella sfogliata e' ancor meno conosciuta e mangiata!)
    Queste cmq fanno davvero gola
    Martina

    RispondiElimina
  4. Come è buona la piadina. Per me questo è troppo difficile, temo. Ma intanto mi guardo la foto e mi tengo l'acquolina!

    RispondiElimina
  5. Che strano! Di solito io nell'impasto metto solo acqua a 18° e poi dopo il riposo in frigo sfoglio con lo strutto ....mi sa che provero anche questa ricetta☺

    RispondiElimina
  6. Io le faccio di rado colpa della quantità di strutto, ma in Romagna è facile trovarle in piadineria e allora... occhio non vede, cuore non duole!

    RispondiElimina
  7. Io le ho fatte ieri sera, ma in versione liscia. A questo punto devo provare anche la versione sfogliata, anche perchè queste lumachine sono bellisime.
    Claudette

    RispondiElimina
  8. Complimenti Gaia!!!Spettacolari queste piadine!!!
    Serena(Reggì)

    RispondiElimina
  9. Carine le lumachine!!! Prossima volta sfoglierò anch'io!
    :)))

    RispondiElimina
  10. Mamma che fame mi hai fatto venire! Fortuna che stasera mangio pizza!
    Ti è venuta sfogliatissima!

    RispondiElimina
  11. @Elisabetta
    evvai!!! :-)

    @Tery
    ma ciao! forse me le sono perse, le tue.. vengo a vedere!

    @martina
    benvenuta! allora piadina e salame non è troppo eretico?!?! bene! in effetti, da come ci è piaciuto, i dubbi erano sempre meno!
    Grazie!

    @povna
    macchè difficile e difficile... basta provarci! grazie, comunque!

    @anonimo
    prova pure! e facci sapere!

    @Marina
    si, certo, meglio non esagerare.. ma una ogni tanto, fa tanto bene (almeno allo spirito!!)

    @Claudette
    la settimana delle piadine, allora!! salutoni!

    @Reggì
    Chissà come sarebbero potuto essere con il tuo scquacquerone!

    @Zio
    E sfogliamo, vai! ;-)

    @gloria
    SI, abbastanza!! E pensa che questa era una di quelle che avevo congelato!

    RispondiElimina
  12. buone eh?!!....e con quel salamino che esce...mmmmmmmm.....che fame mi hai fatto venire Gaiaaaaaa....
    ;-**

    RispondiElimina
  13. paola
    si, sono buone buone!!
    ;-)

    RispondiElimina
  14. Ciao, ti ho seguito dal blog di un'amica comune...(Clerici ti dice niente?) ho sentito l'accento toscano e sono venuta a sbirciare, ho trovato tante belle ricettine e un carinissimo blog...mi piace molto questa piadina sfogliata!!!! Complimenti e a presto...

    RispondiElimina
  15. ciao MariaLuisa,
    benvenuta da queste parti!! Si, si, ho capito! la nostra amica comune è inimitabile, eh?
    grazie di tutto e a presto!

    RispondiElimina
  16. Gaia ciao cara,ci si rivedrà prima o poi, che dici? Sai sabato mi sono decisa a fare i croissants dopo un sacco di tempo(ho fatto come te con il pane a pasta dura, a volte succede davvero di studiare a lungo delle ricette,non farle, pare quasi di non sentirsi all'altezza, almeno a me fa questo effetto)Comunque venuti buoni e si può dire che ho rotto il ghiaccio.A fine serata ti vengo a trovare ...o non mi metto a fare le piadine,mi avevano troppo incuriosito,ti farò sapere l'esito perchè le ho congelate.Ti saluto a presto Monica

    RispondiElimina
  17. Ho provato: uno spettacolo di sfogliatura,apprezzata da tutti! Grazie per la ricetta.
    Claudette

    RispondiElimina
  18. Ciao, ho latitato un po' causa impegni di lavoro e malattie figli. Volevo dirti che ho provato la tua ricetta per le piade (sono l'anonimo che si stupiva per l'uovo nell'impasto). Vengono molto buone, nulla da dire. Personalmente, però a casa preferiamo la ricetta senza uova nell'impasto. Grazie per avermi fatto scoprire cose nuove. Un abbraccio Alessandra

    RispondiElimina