lunedì 25 ottobre 2010

La torta all'acqua di Anita

Anita è una speciale palermitana DOC.
Che oltre ad elaborate e profumate ricette della sua terra, ha presentato sul forum di Gennarino, ormai diversi anni fa, la sua torta all'acqua.
Il nome mi ha incuriosita fin da subito, quando, qualche anno dopo la pubblicazione, mi sono imbattuta nella sua ricetta.
Come si può fare una torta con l'acqua?!? mi sono chiesta.
Si può fare, eccome!
In quattro e quattr'otto, ne esce una torta soffice e morbida, che si può aromatizzare con frutta, cioccolato, frutta secca o quant'altro avete ispirazione di infilare in una torta.
Tra l'altro, come suggerisce Anita, la ricetta è proprio una base, che si può usare anche per torte salate, semplicemente sostituendo lo zucchero con parmigiano grattugiato e aggiungendo ingredienti salati a piacimento (olive, pomodorini, formaggio, salsiccia, ecc).

Torta all'acqua con pesche


L'ho preparata qualche domenica fa (anche se dal sole della foto, sembra una vita fa) con la scusa di dover andare a fare visita a degli amici e di non arrivare a mani vuote.
Avevo in casa le ultime pesche cotogne della stagione, che non avevo sciroppato, e ho deciso di infilarci quelle!
Ho riadattato solo le dosi di zucchero. Ne ho messo meno perchè invece di usare l'acqua, ho usato lo sciroppo che era avanzato dalle pesche sciroppate fatte il giorno prima, che è appunto acqua e zucchero.


Vi riporto, paro paro, le dosi di Anita (tra parentesi le mie scelte):
2 uova
200 di zucchero (ho usato 150 gr di zucchero)
200 di farina 00
3/4 bicchiere (da acqua) di acqua (ho usato lo sciroppo delle pesche sciroppate)
1/4 bicchiere di olio (ho usato l'olio di mais)
1 bustina lievito per dolci

Frullare le uova intere con lo zucchero, unire l'acqua e l'olio, la farina e il lievito setacciato.
Versare in una teglia unta e cosparsa di pangrattato e cuocere a 180° per 20 minuti.

Come dicevo, io ho aggiunto una pesca cotogna a spicchi.
Vi avviso: l'impasto è molto morbido, nonostante la frutta a spicchi, l'abbia appoggiata sulla superficie della torta, lei inesorabilmente è calata verso il basso...


Che dire?
Anita: GRAZIE.

21 commenti:

  1. ma quindi nn sono pazza ad usare l'acqua nei dolci!!! Io lo faccio spesso per tagliare calorie e per quando devo fare i dolci che deve mangiare qualcuno che nn puo mangiare latticini. Proverò anche questa. la teglia quanto è grande? Quanto viene alta?

    RispondiElimina
  2. Facile, buona, soffice e leggera....meglio di così!!!

    RispondiElimina
  3. Molto molto interessante.. ed anche la foto mi piace moltissimo..complimenti ancora una volta..
    matteo

    RispondiElimina
  4. e grazie anche a te per questa ricetta molto particolare e delicata :)

    RispondiElimina
  5. versione dolce o saltata???non saprei..la provo e poi ti dico!!!!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Questa torta all'acqua me la ritrovo sempre in giro epr la blogosfera ma ancora non l'ho provata; mi deciderò, prima o poi!

    RispondiElimina
  7. Brava Anita e brava tu!!!!!!
    Sembra davvero soffice e buona...

    RispondiElimina
  8. Se hai proposto anche tu la sua ricetta, hai capito che donna speciale sia Anita.
    Io mi vanto e mi inorgoglisco assai di esserle amica.
    La sua torta all'acqua è mitica!

    RispondiElimina
  9. che meraviglia!!!!! te la copio :-)

    RispondiElimina
  10. @Cleare
    la teglia era di quelle di carta, usa e getta, da ciambellone.
    Penso che fosse una da 22 cm, piu' o meno.

    @Federica
    eh ,gia..

    @MAtteo
    grazie anche per i complimenti per la foto.

    @MAriluna
    Benvenuta!

    @Daisy
    dai, prova e poi facci sapere!

    @Elel
    davvero è tanto diffusa in rete? mica me ne ero accorta. A me era bastato sapere che l'aveva fatta Anita!

    @Simo
    hai ragione!

    @Cinzietta
    confermo, confermo tutto! ciao bedda mia!

    @Ely
    eh ehe heh

    RispondiElimina
  11. buffa l'idea dell'acqua, mi incuriosisce molto!
    però non vale sostituire l'acqua con lo sciroppo :-)

    mi sono scritta col nanni, confermato lo spostamento del corso del 20 novembre al 21 domenica.
    dai, vieni anche tu!

    RispondiElimina
  12. Gaia,
    gia' fatto!!
    ci vediamo il 21!! uauuu

    RispondiElimina
  13. Un grazie ad Anita da parte mia e a te che l'hai riproposta. Qualche volta mi capita di dovere fare dei dolci senza latte, sarà l'occasione per provarla!

    RispondiElimina
  14. Che sorpresa, Gaia!
    Grazie per aver provato la torta all'acqua e grazie per le tue affettuose parole.
    Vorrei dividere la "gloria"(...)con la mia amica Mimmetta, che 17 anni fa mi passò questa ricetta.
    E' ovviamente un dolce povero, lo faceva sua zia Margherita(oggi quasi novantenne) durante la guerra, quando bisognava economizzare e arrangiarsi con poco.
    Vorrei suggerire di provare la versione salata, con pesto nell'impasto, farcita dopo la cottura con formaggio fresco cremoso, basilico e pomodori a fettine.
    Tra le versioni dolci, una delle mie preferite è quella con il succo d'arancia al posto dell'acqua, la scorza grattugiata di un'arancia e pezzetti di cioccolato fondente nell'impasto.
    Grazie ancora, ti abbraccio
    anita

    RispondiElimina
  15. Incurisita..la devo rifare con le farine gluten free..ovviamente!
    Bellissime le foto !!
    Partecipi anche tu? Dai..con le foto che fai e le squisitezze che si trovano qui potresti dare delle idee fantastiche !
    http://glu-fri.blogspot.com/2010/10/invitacion.html
    Baci, Simonetta

    RispondiElimina
  16. @Tania
    davvero, uno strepitoso dolce senza latte e con pochi grassi, pure! (se uno non ne aggiunge alla farcitura, eh!)

    @Anita
    Carissima,
    i ringraziamenti,allora, sono doverosi anche a Mimmetta e a Margherita, ingegnosa donna d'altri tempi, che come molte altre sue coetanee avrebbe tanto da insegnarci!
    Grazie di nuovo, pure per i suggerimenti dolci/salati.
    Penso che la tua versione salata sara' presto proposta in tavola!
    un abbraccio anche da parte mia!

    @Simonetta
    Hai un contest?!? Vengo subito a vedere! grazie!

    RispondiElimina
  17. La conosco, e so quanto sia buona oltre che leggera e versatile.
    Ora e' un po' che non la faccio, grazie per avermela ricordata ;-)

    RispondiElimina
  18. Mi piace l'idea, la realizzazione..grazie per la scoperta!

    RispondiElimina
  19. Una buona idea per una base dolce ma leggera.
    Una ricetta simile la lessi sul retro dell'incarto della fecola di patate della Colombo e la feci a suo tempo con funzione "dietetica" ;-D
    Ciao!

    RispondiElimina
  20. stavo girellando su gennarino, dove mi sono imbattuta per caso in questa torta, mi sei venuta in mente tu e mi è venuta soprattutto in mente un'altra cosa, cioè che questa torta, se ci si mette il succo d'arancia al posto dell'acqua, diventa la schiacciata alla fiorentina versione lievito da torte (non quella dei pasticceri con il lievito di birra, ovviamente).
    e quindi sono venuta qui per chiudere il cerchio :-)

    RispondiElimina
  21. ecco una delle mille versioni provate della torta all'acqua sempre buona e a colpo sicuro!http://gemelligioielli.blogspot.it/2013/04/la-famiglia-si-allarga.html

    RispondiElimina