lunedì 1 settembre 2014

lunedì 25 agosto 2014

Cartolina n.1

Come tutti gli anni, la gente rientra al lavoro e noi invece ce ne andiamo in vacanza!
Come da qualche anno a questa parte, anche quest'anno mi diverte lasciarvi le cartoline, prima di partire.
Un po' per giorno, ecco un po' di attimi catturati durante la nostra estate, fino a qui.
A presto!


panorama

mercoledì 6 agosto 2014

Il segreto svelato

E per chi ancora non se ne fosse accorto, ecco svelato il segreto…di Pulcinella.
Sono anni (5 per l'esattezza, proprio in questi giorni) dalla nascita di questo spazio in rete, che nell'immagine del profilo di ProfumodiMamma il mio viso è coperto come se avessi il burqa: un ritaglio di occhi e basta.
Direi che forse, è giunto il momento di superare la timidezza e far vedere qualche cm in più.
Anche perché se siete andati in edicola, il segreto è già stato svelato…

IMG_7422 copia700


Le foto, per una volta, non le ho fatte io (e certamente si nota la differenza)!
Le foto le ha fatte Riccardo Lettieri, fotografo della rivista La Cucina Italiana.


CucinaI

E pure i testi, per una volta, non sono miei, ma di Laura Forti, giornalista.
Ah, e se vi fosse venuto il dubbio, anche la sistemazione dei biscottini (lo styling, si dice) su una mega piastrella beige, con un po' di carta velina, lo zucchero rosato sparso intorno e la griglia, purtroppo non è idea mia, ma di Beatrice Prada.
Non so se vi rendete conto.

La Cucina Italiana, la rivista che è uscita per la prima volta nel 1929 e che ha davvero fatto storia, mi ha invitato a maggio in sede a Milano per preparare nella loro cucina una ricetta, per la rubrica Vocazione gourmet.
Non vi potete rendere conto di come non capissi niente dall'emozione quando ho letto la mail.
Mi si sono accavallate idee sopra idee per decidere quale ricetta presentare.
Poi mi ci sono voluti giorni per prepararmi psicologicamente e una seduta intensa dal parrucchiere per l'occasione. Così intensa che quando sono uscita, non mi riconoscevano nemmeno in casa. :-D
E l'intenzione era proprio quella: mimetizzarmi per non essere riconosciuta nemmeno da chi avrebbe sfogliato la rivista…
Ma poi, una volta uscito il numero di agosto in edicola, è stata una tale emozione vedermi dedicate due pagine che, come quando si vivono momenti belli da condividere con il mondo, non mi sono trattenuta e l'ho detto a tutti (o quasi)!
Non ero mai stata in una redazione prima di ora, così Laura (cicerone gentile e disponibile) mi ha accompagnato a visitare le stanze dei bottoni (anzi delle tastiere) e dei fornelli. Abbiamo fatto un giro per la biblioteca, dove ci sono scaffalature piene di tutti i volumi de La Cucina Italiana che sono usciti dal 1929 ad ora (fate un po' il conto voi…)! Abbiamo fatto un salto alla scuola di Cucina e un giro nei due enormissimi magazzini che sarebbero la gioia di molte di noi: pieni di stoffine, piatti, piattini, posate, bicchieri, vassoi, caraffe e di tutto di più!
Insomma, una gioia per gli occhi e per le menti di chi come me non sa mai che coccino tirare fuori per fare una foto!! :-)
E alla fine, lo studio fotografico, adiacente alla cucina che si vede nelle foto. Ovviamente, uno studio fotografico super professionale. Con luci, pannelli di polistirolo, e una macchina fotografica mai vista prima e inavvicinabile (un po' per il prezzo e un po' perché era montata a due metri di altezza per fare le foto dall'alto)!
E' stato emozionante vedere i biscottini soli soletti in posa, sotto tutti quei riflettori. Ne sono stata orgogliosa come nemmeno fossero stati i miei legumini, paro paro.

La ricetta che alla fine ho portato, come avrete capito, è quella degli zuccherini, i biscotti della tradizione di Firenzuola, nel Mugello, che è il paese dove è nata la mia mamma, e prima di lei, la mia nonna.
E' una ricetta semplicissima, come da tradizione contadina, e ci sono davvero tanto legata…
Per cui, quando dalla redazione mi hanno detto che avrei potuto farmi accompagnare da qualcuno, non ho avuto dubbi.
Per gli zuccherini e per vivere insieme questa esperienza unica, Profumo di mamma ha scelto la sua, di mamma.

lacucinaitalianaAgosto2014