Follow me:

    Gyoza

    Vi ho lasciato con un dubbio atroce.

    Dopo avervi fatto mettere in moto le papille gustative e la ghiandola salivare con  il rāyu, l’olio al peperoncino della cultura giapponese, vi ho lasciato con la curiosità addosso, vero?

    Per ben una settimana.

    Perdonatemi. 😛

    Ma bando alle ciance, ecco qua un’idea di cosa ci potete condire, con parsimonia, se non avete la bocca d’amianto: i gyoza giapponesi.

    L’apparenza non inganna: assomigliano in effetti ai ravioli cinesi, essendone una derivazione nipponica, ma mentre quelli cinesi sono cotti al vapore, questi hanno una doppia cottura: prima vengono abbrustoliti in padella e poi cotti al vapore, direttamente nella padella.

    Vengono serviti tipicamente uno accanto all’altro come soldatini schierati in fila. E sono una goduria da far fuori, rāyu o non rāyu.

    (La ricetta proviene da un corso di cucina giapponese che ho seguito tempo fa) 

    Print Recipe
    Gyoza
    Per 100 pz
    Porzioni
    persone
    Ingredienti
    Mix A
    Mix B
    Porzioni
    persone
    Ingredienti
    Mix A
    Mix B
    Istruzioni
    1. Tritate il cavolo cappuccio e lavoratelo con le mani per qualche minuto. Lasciate riposare per circa 10 minuti in modo che rilasci un po’ della sua acqua, poi strizzatelo.
    2. Tritate gli steli di Nira (oppure l’erba cipollina, i cipollati e l’aglio).
    3. Aggiungete il Mix A alle verdure e lavorate con le mani in modo che la miscela penetri bene.
    4. Aggiungete il Mix B alla carne di maiale macinata. Lavorate con delicatezza per far insaporire bene la carne, poi aggiungetela alle verdure e mescolate.
    5. Coprite con pellicola trasparente e mettete in frigo per circa mezz’ora.
    6. Per formare i gyoza, appoggiate un disco di pasta nel palmo della mano sinistra (se siete destri), mettete un cucchiaio scarso di ripieno nel centro della pasta e iniziate piegando a metà la sfoglia, poi proseguite con la chiusura, che deve essere fatta con pieghe di circa 7 mm a partire da un lato, e poi continuando fino in fondo.
    7. E’ importante assicurarsi che ogni raviolo sia chiuso bene.
    8. Ungete con olio di semi una padella antiaderente. Mettete i gyoza in fila e arrostiteli a fuoco alto fino a che il fondo è bello dorato.
    9. Aggiungete rapidamente acqua calda fino a coprirli per un terzini altezza e copriteli con un coperchio. Cuocete a fuoco medio per 5-7 minuti.
    10. L’acqua sarà quasi evaporata. Togliete il coperchio, alzate ancora il fuoco, fatela evaporare del tutto e aspettate che la doratura si accentui.
    11. Servite i gyoza, uno accanto all’altro, facendo attenzione che la parte dorata sia visibile.
    12. Accompagnateli con il rāyu, un olio giapponese piccante.
    13. Per prepararlo in casa, seguite la ricetta che trovate QUI!
  • Pizzette da aperitivo

    Pronte in mezz’ora in tutto, il difetto più volte sperimentato di queste pizzette è che finiscono troppo presto. E se…

    Salati sfiziosi
    / 4 Febbraio 2019