venerdì 18 marzo 2011

Marmellata di arance con sacchettini

Certo che partecipare ad un contest sulle arance con una banale marmellata è una banalità, appunto.
D'altronde, però, come esaltare e conservare per periodi di magra il dolce e asprigno di una arancia (anzi di un paio di chili) se non facendoci una marmellata?
La ricetta non è delle più banali. O meglio, non è delle più veloci: diciamo che l'avevo sottovalutata..

Marmellata di arance

Meno male che Monica, che ho avuto la fortuna di conoscere al corso di panificazione di Adriano e Paoletta, e che mi ha passato la ricetta, mi aveva consigliato di fare dose doppia...
Con tutta quella faticaccia, arrivare a sera con tre vasetti sarebbe stato un po' deprimente!
Invece, con la dose doppia, sono riuscita a tirarne fuori tanti di vasetti (6 di quelli piccoli da 150cc, un paio da 250cc e un paio da 300cc), che sono in parte finiti di recente nelle dispense di tanti amici!

La parte più noiosa di tutto il procedimento è stato quella di spolpare le mezze arance spremute, per ricavarne la buccia da tagliare a striscioline e per recuperare anche un po' di filamenti di scarti, da utilizzare in dei buffi sacchettini per addensare meglio la marmellata.
Ma, sapendolo, la prossima volta affronterò l'operazione con spirito più consapevole!!

La ricetta originale era per le arance amare e utilizzava una quantità di zucchero doppia rispetto al peso delle arance.
Quelle che ho usato io non erano affatto amare, anzi, erano molto dolci, per cui la quantità di zucchero l'ho riadattata in modo da riequilibrarne la dolcezza e ho messo pari peso di arance e di zucchero. E' venuta molto buona, ma forse si potrebbe ancora ridurre un po'...

Ecco come mi scrive Monica (fatene dose doppia!!):

900 gr. di arance bio
900 gr. di zucchero (il doppio se si usano le arance amare)
2 litri più 1 bicchiere d'acqua
1 limone spremuto
1 pentolone molto capiente

Lavare le arance e dividerle a metà, spremerle, filtrare il succo e metterlo subito nel pentolone. Svuotarle dai filamenti che vanno raccolti assieme a tutti i semi e alla parte bianca che viene via, compresi quelli del limone. Con questi, chiamiamoli scarti, fare dei sacchettini di garza ben legati con spago da cucina, metterli poi nel tegame con il filo legato al tegame stesso(in una dose vanno fatti 2 sacchettini).

arance

Tagliare tutte le bucce dell'arancia, non troppo sottili, e metterle nel tegame con l'acqua. Ricapitoliamo: nel tegame prima di andare sul fuoco ci deve essere: succo d'arancia e di limone, le scorze tagliate, l'acqua, le garze con i filamenti.
Segnare all'esterno del tegame il volume occupato dai liquidi (o fare a occhio) portare sul fuoco e far bollire scoperto fino a che si riduce circa della metà.
A questo punto, schiacciare le garze con uno schiacciapatate: tutto ciò che esce va nel tegame (roba collosissima che aiuterà ad addensare).
Fuori dal fuoco, ma a temperatura calda, sciogliere lo zucchero, rimettere sul fuoco basso e appena lo zucchero sarà ben sciolto alzare la fiamma e portare a marmellata.
I tempi sono difficili da stabilire, io misuro con il termometro fino a 105° e faccio anche la prova piattino.

orange marmelade


Come detto fin da subito, con questa ricetta pensavo di partecipare ad un contest, o meglio a quello della banda dei broccoli, che scade tra qualche giorno:


29 commenti:

  1. Che buona la marmellata di arance! La adoro, soprattutto se ci sono le bucce dentro.
    Pensavo...
    Se si sbucciano le arance prima di spremerle, poi si centrifuga il frutto e si recuperano gli scarti da mettere nei sacchettini..
    Pensi che il risultato sia molto diverso?
    Ciao e complimenti per il tuo blog
    Gio

    RispondiElimina
  2. grazie mille per aver partecipato e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  3. Quanto è buona la marmellata fatta in casa!!!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao socia, ti aggiorno: nel mio caso la suddetta marmellata è passata direttamente alla "gola" del sottoscritto, saltando direttamente la dispensa... ;-)))
    Grazie ancora e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  5. E' da una vita che utilizzo questo metodo per recuperare la pectina naturale e mi trovo benissimo sia con le marmellate di agrumi che con le altre.
    Certo che con quelle di soli agrumi e un svero lavoraccio!!

    RispondiElimina
  6. altro che banale!
    che procedmento strano! a veder i vasetti sembra deliziosa :)

    RispondiElimina
  7. @gio
    ciao e grazie! non so come si usi una centrifuga... Considera che io ho usato un po' dei filamenti degli spicchi (quelli che rimangono sullo spremiagrumi) e la parte dell'arancia tra la buccia e lo spicchio, che ho tolto per pulire la buccia, visto che dovevo poi tagliarla a listarelle!

    @labanda
    grazie a voi!

    @lerocherhotel
    insuperabile!

    @Lydia
    Davvero!??!?! ;-)

    @Nanni
    Ma pensa te... Buon fine settimana anche a voi e auguri al piccolo chef!

    @Virginia
    Davvero?!? Quindi ci metti i sacchettini anche se ne fai una che non è di agrumi? spiega, spiega!

    @Erica
    Anche per me è stata la prima volta! MA,con un po' di pazienza, ci voglio riprovare anche il prossimo anno, a maggior ragione se troverò le arance amare!

    RispondiElimina
  8. Beh banale o no....la marmellata è sempre un piacere da gustare...
    Ci vuole pazienza...e lo so bene, ma credo ne sia valsa davvero la pena ;-)
    Complimenti

    RispondiElimina
  9. Esatto! Sfrutto ugualmente la pectina del limone/i che ci metto.
    Avevo scritto un articolo su Cucina Naturale uscito a settembre proprio su questo ma non riesco a scaricartelo.
    Un esempio di marmellata fatta così è questa di pesche oppure questa con le albicocche.

    RispondiElimina
  10. Mamma che lavoraccio! ma sicuramente ne è valsa la pena! La marmellata d'arance devo dire che l'ho snobbata fino a quest'anno... quando mi sono decisa ad acquistarne una...di arance amare...e ne ho fatto una torta...amore al primo morso! devo ora provare a farla io!!!

    RispondiElimina
  11. Bellissima e buona ma io ci rinuncio: ho buttato solo ieri l'ultimo esperimento di marmellata di arance.. amarissima bleah! sono negata!

    RispondiElimina
  12. che bel colore questa marmellata!
    :))

    RispondiElimina
  13. non avevo visto che eri aranciosa anche tu, oggi!

    bella questa marmellata.
    le foto, non ne parlo nemmeno più...

    RispondiElimina
  14. @MielediLavanda
    Sì, ne è valsa la pena!

    @Wiggi
    grazie! avevo perso le tue marmellate.. ora cerco il numero di cucina naturale! grazie della dritta!

    @Cookin sara
    benvenuta! Io la marmellata di arance amare, dopo anni, l'ho riassaggiata da Monica e me ne sono ri-innamorata pure io.
    Il prossimo anno voglio provare a cercarle! Anche se so che è difficile trovarle perchè finiscono quasi tutte in UK..

    @Cinzia
    ma no, dai! vedrai che soddisfazione! Ma l'avevi messo lo zucchero? :-)

    @Piero
    grazie! :-))

    @LaGaia
    quando ho fatto le etichette mi è venuta in mente la tua che avevo visto su flickr!!
    ;-)

    RispondiElimina
  15. Io uso l'accessorio del robot, ci metti dentro il frutto a pezzi, e recuperi tutti i liquidi contenuti nel frutto.
    Dal cestello interno recuperi solo la parte solida, che resta asciutta.
    Normalmente si butta ma in questo caso....
    Io sfrutto da tempo la pectina per fare le gelatine di frutta, scoperte su questo blog
    http://www.foodografia.com/2010/01/gelee-al-limone.html
    Le faccio con le arance bio, vengono una meraviglia

    RispondiElimina
  16. fortunate quelle dispense di amici.. :) perché questi vasetti sono proprio adorabili. La faticaccia credo ne sia valsa la pena, sono sicura che questa marmellata avrà un profumo e un sapore a dir poco intenso e buonissimo..

    RispondiElimina
  17. la marmellata di arance (amare e non) è una di quelle cose per cui vale la pena di vivere...
    prima o poi te ne chiederò un pochino... ;-)

    RispondiElimina
  18. ma quante meravigliose marmellate in giro!! che stupendo colore la tua!!

    RispondiElimina
  19. Ideale per me..qui inizia l'autunno..mica possiamo stare marmellata d'arancia! Baci

    RispondiElimina
  20. E' faticoso preparare la marmellata! Per questo hai fatto bene a farne tanta! La fatica almeno l'hai fatta una volta sola!
    Che bei vasetti hai confezionato! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  21. ottima questa marmellata. voglio proprio provare a farla! ciao Silvia

    RispondiElimina
  22. Gaia Ciao! Non avevo più avuto il tempo di passare da queste parti! Ma eccomi a lasciarti un saluto e a farti tanti complimenti per questa insolita marmellata! E' bello averti conosciuta di persona. Un bacione

    RispondiElimina
  23. Ehi Gaietta! Come stai? Non pubblichi da parecchio...tutto ok? Sono passata per ricordarti del mio contest...mi raccomando!:*

    RispondiElimina
  24. Eccomi, sono tornata!


    @Anonimo
    grazie dei suggerimenti! Provero'le gelee, un giorno..

    @fiordivanilla
    esatto, profumo e sapore intenso!

    @povna
    allora te ne tengo da parte un vasetto??
    ;-)

    @Valeria
    erano arance bio. Sarà stato quello per il colore?

    @glu-fri
    come no ti invidio.. per l'autunno intendo.. io non vedo l'ora che risbocci la primavera!

    @More
    Benvenuta! e grazie!

    @Genny
    mi sa di si...

    @Lapappa
    Benvenuta! Se la fai, fammi sapere!

    @Kitty's
    Contraccambio. Un bacione anche a te!

    @Angela
    Sono tornata... ora mi ci metto di impegno.. se trovo il tempo!
    :-)

    RispondiElimina
  25. Questa mattina ho potuto assaporare la tua marmellata su una fetta di pane di segale appena sfornato ... una delizia!
    Grazie Gaia sei un tesoro!
    la tua marmellata ha superato di gran lunga quelle dei miei amici tedeschi e qua in Alto Adige se ne intendono di marmellate ; )
    Un abbraccio dalla Franci

    RispondiElimina
  26. Due domande, una per Gaia, l'altra per chiunque sappia rispondermi (Virginia?).
    1) ma la parte bianca della buccia l'hai tolta? Perché trovo sempre indicazioni che dicono di rimuoverla assolutamente ché altrimenti dà il sapore amaro...e io l'ho sempre tolta facendo anche una gran fatica...falsa credenza?

    2) visto e considerato che quando faccio la spremuta a mia figlia la devo sempre filtrare (che i filamenti le danno fastidio :-/ ) potrei mettere tutto lo scarto nei sacchettini e poi congelarli in vista delle future marmellate di pesche e albicocche? cosa ne uscirà secondo voi?

    Sono rimasta affascinata dal colore di quella marmellata, che sembra una gelatina e ci voglio assolutamente provare.
    Baci Sandra

    RispondiElimina
  27. @Franci
    non sai come mi rendi felice!
    baci

    @Sandra
    se vedi la foto, le striscioline sono state tagliate lasciando un po' di parte bianca, come se fosse la buccia che uno sbuccia dall'arancia.
    Ti assicuro che con tutto lo zucchero che c'è dentro l'amaro non si sente!
    Hai presente le scorze candite? Ecco, si mette la stessa parte!

    Per quantro riguarda i filamenti, a mio avviso non sono quelli che contengono la pectina, ma proprio la parte che riveste lo spicchio..

    grazie!

    RispondiElimina