lunedì 29 marzo 2010

Così facile e così buona...

Questo post è dedicato a chi mi ha regalato questa ricetta, con cui abbiamo festeggiato il compleanno della nonna.
A volte si dimentica come le torte casalinghe che non richiedono tecniche di pasticceria per essere realizzate, siano così buone e sappiano di casa, appunto.
Presa dai lievitati, dai panettoni, dalle meringhe o dalla pasta sfoglia capita di scordare che si possano fare torte in un tempo ragionevole (un'ora tra preparazione e cottura)!
Questa torta unisce amaretti e cioccolato. Vi ispira?

Amaretti e cioccolato

Ci vogliono:
200 gr di amaretti
150 gr di burro
140 gr di farina
4 uova
100 gr di zucchero
100 gr di liquore amaretto
100 gr di cioccolato fondente
mezza bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale

Si inizia con il tritare finemente gli amaretti e il cioccolato.
Poi si lavora il burro ammorbidito con lo zucchero, si uniscono i tuorli, gli amaretti tritati, metà dose di cioccolato, la farina e l'amaretto.
A parte si montano gli albumi insieme ad un pizzico di sale.
Si aggiunge il lievito all'impasto e subito dopo gli albumi. Si versa il composto in una teglia imburrata e alla fine si cosparge con il cioccolato rimasto.
Si cuoce in forno a 180° per circa 30-40 minuti (per sicurezza fare la prova dello stecchino).

Con la scusa che la torta era per il compleanno,ho pensato bene di decorarla con la panna montata (si sa, alla golosità non c'è mai fine ...)!

Questo post è dedicato a Ercole e Ulisse e alla loro padrona, che prima della ricetta, mi ha regalato una fettina di torta: In bocca al lupo!

Ps. con questa ricetta contribuisco alla raccolta di Genny e Albertone: La torta delle bontà (scade il 3 maggio!), con cui saranno raccolti fondi per 'La vita è un dono'.

14 commenti:

  1. se mi ispira????
    buonissima nella sua semplicità, di quelle torte che fanno subito casa.

    RispondiElimina
  2. Queste sono proprio le torte che preferisco

    RispondiElimina
  3. Eccome se mi ispira!!!
    Bravissima ;)

    RispondiElimina
  4. A ME ISPIRA MOLTO!!!!!!!!:-)

    RispondiElimina
  5. quali tecniche di pasticceria raffinate scusa? non parli la mia lingua!

    e questa torta mi ispira un sacco, sono fra le mie preferite

    RispondiElimina
  6. ah ma è favolosa!!! la segno eccome!ciao!

    RispondiElimina
  7. Eccome se mi ispira!!!
    amaretti e cioccolato secondo me è un binomio favoloso!
    vero quello che dici che per dei dolci buoni non sempre serve spenderci ore e ore!:)

    RispondiElimina
  8. Dev'essere buonissima! Anch'io adoro le torte semplici, sono sempre le migliori e quelle che si fanno in continuazione, a occhi chiusi ;o)

    RispondiElimina
  9. grazie a tutti!
    i vostri commenti hanno confermato la mia ipotesi:
    evviva la semplicità!

    RispondiElimina
  10. trovo molto interessante l'impasto, con quel mix un po' granuloso pieno di retrogusti, dal cioccolato all'amaretto. Anch'io preferisco lavorare con pochi ingredienti studiati bene, perché tutto sommato a volte basta veramente poco, che poi se ci pensi bene pure il momento in cui assapori il tutto con soddisfazione dura un attimo, il resto è dato dai ricordi che preserva la lingua e la mente.
    Passa sa me quando hai voglia, c'è una cosa che un po' ti riguarda.

    RispondiElimina
  11. Certo che mi ispira questa torta deliziosa e rassicurante...e ancora di più se servita in giardino ;-)
    Buona notte

    RispondiElimina
  12. ercole e ulisse12 aprile 2010 11:36

    la torta la dedichiamo alla nostra amica Rosa, che ce l'ha fornita un po' di annetti fa ... sperando che possa leggere il commento tra non molto ...

    RispondiElimina