mercoledì 13 gennaio 2010

Il caco timido

Non se ne vedono più molti sugli alberi, di cachi (kaki o loti per i più raffinati), ma questa crostatina, fatta un mesetto fa, leggera per quanto leggera può essere una crostatina, ve la volevo far vedere.

Non avevo mai usato questo frutto prima d'ora in nessun modo, a parte mangiarmelo con il cucchiaino come frutta (oppure a spicchi, se trovo la variante di caco-mela)...

L'idea mi è venuta sbirciando la ricetta improvvisata di Paolo (alias eucalipto) sul forum di gennarino.
A parte il fatto che usare i cachi in qualche altro modo mi incuriosiva molto, mi ha colpito anche tutta la lieve descrizione che eucalipto fa del caco timido, una storia che me lo ha fatto piacere ancora di più!!

Crostata con ricotta e cachi

Avevo in freezer una metà dose (sui 500 grammi) di pasta frolla di Adriano, che ho tirato fuori e messo in frigo a scongelare il giorno prima. Ma ovviamente, la potete fare fresca!

Per l'impasto della crostata ho usato:
- 250 gr di ricotta
- 125 gr di zucchero
- un caco grande (vanno bene anche due più piccoli)
- due uova

Il mio caco, biologico e raccolto nel giardino di un'amica, non aveva l'aspetto arancione fosforescente di quelli del supermercato, ma la polpa era un po' più marroncina e di una consistenza meno cremosa. Quindi, per poterlo amalgamare meglio al composto l'ho fatto a dadini e l'ho lasciato ammorbidire sul fuoco per 5 minuti.
Nel frattempo ho sbattuto bene le uova con lo zucchero e poi ho amalgamato la ricotta. Alla fine ho aggiunto la purea di caco, quando si era raffreddata.

La pasta frolla l'ho stesa sui 5 mm e ci ho foderato tanti mini stampini da crostata (o tartellette, per intendersi), e finiti quelli, ho usato anche quelli da muffins. Con mezzo chilo di frolla, mi sarà venuta fuori una dozzina di dolcetti!

Ho prima cotto in forno a 180° la base delle crostatine, coperte da carta forno zavorrata con un po' di chicchi di riso, per una quindicina di minuti. Poi, tolte dal forno, e liberate dalla carta e dal riso, le ho riempite con la crema di cachi e infornate di nuovo per un'altra quindicina di minuti, comunque fino a doratura o fino a che il profumo di crostata non è cominciata ad uscire dal forno!!

Come dice Paolo: Il caco, come suo solito, fornisce colore, dolcezza, consistenza e come tutti i timidi, solo un tenue sentore della sua presenza...

Con questa crostata partecipo al contest di ABOUT FOOD

about food

16 commenti:

  1. Deliziose queste crostatine. Il caco è un frutto sottovalutato, la sua polpa profumata da un tocco speciale a marmellate e creme
    Baci
    fra

    RispondiElimina
  2. Mamma che delizia... davvero una golosità... baciotti

    RispondiElimina
  3. potrei preparare questo dolcetto per mia mamma che è golosissima di cachi !

    RispondiElimina
  4. Mi accodo ad Ale! Anche la mia mamma è golosa di cachi, ricordo una sua indigestione del frutto :-)

    RispondiElimina
  5. Davvero un bel dolcetto! Concordo con il fatto che spesso il caco è un frutto troppo sottovalutato!

    RispondiElimina
  6. sai che anche io non ho mai cucinato un kako?sempre mangiato così...ma questa è un 'idea da conservare....

    RispondiElimina
  7. provo anche questa invitante crostata
    grazie per i tuoi commenti
    Cris

    RispondiElimina
  8. I cachi sono frutti con i quali devo ancora legare, ma so che un giorno ce la farò e magari ti copierò queste crostatine, bellissime! Ai bimbi son piaciute?

    RispondiElimina
  9. Davvero....mi sono andata a leggere la dscrizione del caco di eucalipto e mi ha fatto sentire il suo sapore sciogliersi lentamente in bocca...
    Complimenti !
    Anche a te per la ricettina ;-)


    Mimì

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. @cris
    davvero, miri è un piccolo genio!

    @elga
    si, sono piaciute, soprattutto a fagiolino, che è un golosone!

    @mimi
    grazie, la storia del caco timido è davvero bella!?!

    @tutte
    grazie! ;-)

    RispondiElimina
  12. Il caco con la ricotta è un'accoppiata vincente che io spesso riproduco per levarmi lo sfizio del dolce contenedo le calorie. Cotto però non l'ho assaggiato mai, ma penso che sarà una delizia!

    RispondiElimina
  13. Ciao Gaia,
    bellissimo questo tortino, e deve essere anche buono!! Mi hai fatto venire voglia di fare sperimentazioni con i cachis, ma qui a bologna non ne vedo più in giro!!
    ancora bello
    a presto
    Antonella

    RispondiElimina
  14. @Stefania
    prova, dai!

    @Antonella
    allora per il prossimo autunno...:-)

    RispondiElimina
  15. Ciao carissima ti ringrazio della partecipazione alla mia raccolta con questa splendida ricetta..a breve ci sarà il pdf..baci e buona serata!

    RispondiElimina