venerdì 16 ottobre 2009

La zucca e i suoi semi

C'era una zucca,
nella mia cucina, che aspettava il momento giusto per essere trasformata in qualcosa di diverso.
Era una zucca dalla buccia verde e dall'aspetto tondeggiante e bitorzoluto. Se ne stava lì, buona buona da un paio di settimane.
Alla fine la magia c'è stata:
Sbucciata e affettata a fette di 1 o 2 cm di altezza, è andata a far compagnia per 40/50 minuti in forno a 200°, a una manciata di pomodorini rossi e due spicchi di aglio, conditi con olio e sale.

teglia di zucca e pomodorini

Si sono fatti compagnia, si sono mescolati i sapori, la zucca quasi a fine, si è anche rigirata, lasciando una parte deliziosamente più abbronzata.
La sua fine, era segnata: su un candido piatto bianco, su una tavola imbandita.
Lenticchia e Fagiolo non l'hanno apprezzata, avrebbero preferito continuare a giocarci, immaginando storie di fate, di streghe e di incantesimi.
I loro genitori, invece, si!

Zucca e pomodorini al forno

E ora? Con i semi di zucca che non sono voluti andare in forno, che cosa ci faccio?
Qualcuno sa dirmi come fare a trasformare anche loro in qualcos'altro?
Cosi', magari, potrei metterli nel mio prossimo pane!

Buon fine settimana!

semi di zucca

15 commenti:

  1. i semi? puoi essiccarli (in forno) ed utilizzarli per il pane, o per farci un pesto... leggi qui:
    http://qualcosadirosso.blogspot.com/2009/10/questo-si-che-e-autunno.html
    nella ricetta spiego come fare per essiccarli! :-)
    buon week end!

    RispondiElimina
  2. Ecco, come si fa a seccare i semi di zucca!
    Sei stata preziosissima!
    grazie tante!

    RispondiElimina
  3. anche a casa mia una zucca troverà questa degna fine!
    ciao

    RispondiElimina
  4. Stasera avevo già intenzione di passare al super per prendere della zucca, adesso ci andrò con le idee più chiare ^_^ Che bontà:)

    RispondiElimina
  5. Che bel post e che bella zucca. La mia anche sta aspettando da una settimana, e una parte fara' questa magica fine.

    RispondiElimina
  6. Dimenticavo: lo scorso anno i semi di zucca li ho fatti cosi: prima li ho passati velocemente nella chiara d' uovo leggermente montata a neve (come si fa per le mandorle) e poi in forno, su una placca coperta con carta da forno. Una volta pronti, ancora caldi, ho aggiunto il sale. Buoni da sgranocchiare con l' aperitivo e si conservano a lungo in un vaso di vetro ben chiuso. Ciao

    RispondiElimina
  7. per i semi puoi provare a tostarli... ma non garantisco! Io di solito li butto

    RispondiElimina
  8. Ultimamente sto mangiando la zucca arrosto un giorno sì e l'altro pure. Devo assolutamente provarla in questa versione mediterranea.
    Io i semi di zucca li butto sempre, sarà che qui trovo quelli già sbucciati a buon prezzo. Ma è sicuramente una bella soddisfazione tostarli in casa.

    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  9. ma quanto sarà buona la zucca!

    mooooolto interessante questa specie di ratatouille autunnale...

    RispondiElimina
  10. @pinar, sweetcook
    non male!

    @barbara
    grazie per l'idea dei semi di zucca! La prossima volta provo con le chiare. Promesso.

    @iana
    si, si poi li ho tostati. Vedrai, vedrai!

    @Alex
    Hai capito perfettamente. Qui, è la soddisfaazione che conta! ;-)

    @LaGaiaCeliaca
    Non ci avevo pensato, che potesse sembrare una ratatouille... ;-)

    RispondiElimina
  11. hai "raccontato" questa ricetta come fosse una fiaba....solo che il lieto fine per la zucca non c'è stato....complimenti per il tuo blog

    RispondiElimina
  12. lo sai la tua "ratatouille invernale alla zucca" è diventata un must in casa nostra? è buonissima, è veloce, dà una nota di colore entusiasmante alla grigia tavola invernale. l'ho propinata anche a una cena con amici che se la sono sbafata.
    a volte non ci si pensa, ma cucinare i cibi come natura crea è spesso l'idea migliore.

    insomma, ti volevo ringraziare...

    RispondiElimina
  13. p.s. a proposito, dalle foto mi sembra che tu l'abbia fatta con una zucca tipo mantovana. io invece la preferisco con quella tipo napoletana, meno farinosa e meno dolce. così, tanto per condividere...

    RispondiElimina
  14. Gaia,
    grazie a te! Non sapevo che quella che avevo usata era mantovana, ma dopo una ricerca, ho scoperto che e' proprio cosi'.
    La mia mamma, invece, coltiva quelle napoletane-lunghe. Provero' con una delle sue, la prossima volta!
    un abbraccio

    RispondiElimina